Hardware e software di geocaching: iPhone e non solo

Hardware e software di geocaching: iPhone e non solo

29 Aprile 2022

Il geocaching è un gioco piuttosto semplice, per giocare sono indispensabili intraprendenza e voglia di scoprire luoghi nuovi, ma non è tutto qui. Per accedere alle informazioni di localizzazione dei geocache è fondamentale scaricare un App per il geocaching: un’applicazione che permette di sfruttare il GPS del proprio device per visualizzare le coordinate dei geocache nascosti.

Esistono app sia per Android, sia per iOS; queste permettono di accedere a siti che forniscono tutte le informazioni sui geocache nascosti, dando la possibilità ai giocatori di pubblicare foto dei propri ritrovamenti, suggerimenti, indizi e commenti sul geocache riscoperto. 

La scelta del device da utilizzare per la ricerca dei geocache è importantissima: è necessario disporre di un dispositivo potente, leggero e dotato di GPS, in grado di accompagnare il geocacher in ogni sua ricerca. 

Lo strumento ideale è sicuramente lo smartphone: questo, grazie alla sua portabilità e leggerezza, permette di andare ovunque portando con sé tutte le informazioni sulla localizzazione dei geocache.

Lo smartphone perfetto per il geocaching ha le seguenti caratteristiche:

  • è leggero: trattandosi dello strumento principale di ricerca del geocache, è necessario sia leggero e poco ingombrante, in modo da poter essere comodo per il trasporto in ogni luogo di scoperta;
  • ha un display sufficientemente grande (almeno 6.1 pollici): è da questo dispositivo che vengono visualizzate le indicazioni di tracciamento e quindi la mappa di localizzazione dei geocache, lo schermo quindi deve facilitare la ricerca e non avere dimensioni troppo ridotte;
  • è dotato di connessione ad internet veloce: internet non può mancare e la connessione deve essere veloce;
  • ha una batteria di lunga durata: cercare un geocache non è un compito semplice e talvolta la ricerca può durare anche una giornata intera. Inoltre, i geocachers non si fermano mai al primo geocache ritrovato, anzi, quando si trovano in una zona, cercano di scoprire tutti i geocache nelle vicinanze e la ricerca può durare parecchie ore. Proprio per questo, è necessario un dispositivo caratterizzato da una buona durata della batteria;
  • è dotato di torcia e GPS: queste funzioni sono imprescindibili per praticare il geocaching e sono supportate dalla gran parte dei dispositivi mobile attualmente in commercio;
  • permette di scattare foto di elevata qualità, anche al buio: è usanza scattare una foto del geocache appena ritrovato e pubblicarla sul sito di geocaching utilizzato. In questo modo vengono fornite informazioni sullo stato di ritrovamento del geocache e si condivide la condizione del contenitore con tutta la community.

Un dispositivo ideale per questo tipo di utilizzo è sicuramente l’iPhone, il quale permette prestazioni uniche in termini di leggerezza, qualità del display, fotocamera e durata della batteria. In generale, Apple offre dispositivi veloci e di qualità, i quali si rivelano perfetti per l’utilizzo in viaggi ed esplorazioni, garantendo prestazioni ottimali sotto svariati punti di vista.

Apple mette a disposizione svariate tipologie di iPhone in relazione a misura, display, reparto fotocamera e colore; quindi, c’è tantissima scelta e ogni geocacher può trovare la soluzione più adatta alle sue esigenze.

Inoltre, utilizzando un dispositivo Apple, è possibile far uso di una delle App per geocaching ottimizzate per iOS, che permettono un’esperienza unica e perfettamente integrata di geocaching.

In conclusione

Il geocaching è una attività che, per essere praticata, necessita dei giusti strumenti hardware e software. Munisciti dello smartphone più adatto al tipo di ricerca che vuoi intraprendere e scarica una delle varie App di geocaching disponibili per mobile.